Unconventional women eventually meet at Villa Reale di Marlia

parks / parchi

Un filo sottilissimo, la scia di una sigaretta. Certe associazioni mentali te le ritrovi nella testa così, tanto delicate da doverle guardare con la coda dell’occhio per non sciuparle. Questa ha preso forma da qualche giorno e sovrappone i tratti di Mimì Pecci Blunt, mecenate e animatrice della scena romana negli anni Trenta e quelli dell’appena scomparsa Marina Ripa di Meana, self-made woman che, nel bene e nel male, ha contribuito a portare l’atmosfera del salotto romano in televisione. Anticonvenzionali. Irriverenti. Sfrontate. Mondane. Divertenti. Assetate di arte e cultura.

Non posso farci niente, e così lascio che la cloche della prima si sfrangi in scollature e spacchi in omaggio alla seconda, e che la risata di quest’ibrido di fantasia tuoni nel patio granata della piscina Art Deco che sorprende i visitatori più curiosi della Villa Reale di Marlia. Nel mio sogno l’acqua è di nuovo lì, blu più del cielo, a riempire la grande vasca di maiolica e i pomeriggi d’estate di ospiti come Salvador Dalì e Alberto Moravia.

La piscina Art Deco della Villa Reale di Marlia è stata commissionata all’architetto Jacques Greber negli anni Trenta del secolo scorso dalla contessa Anna Laetitia Pecci Blunt (Mimì per gli amici).

A thin thread, the faint trail of a cigarette. Some associations of ideas just come up like this, so delicate that you have to look at them out of the corner of your eye not to harm them. This one has taken shape a few days ago. It overlaps the features of Mimì Pecci Blunt, maecenas and animator of the Roman scene in the thirties and those of the just disappeared Marina Ripa di Meana, self-made woman who, for better or for worse, contributed to bring the atmosphere of the Roman salons on television. Both unconventional. Irreverent. Bold. Mundane. Funny. Swinging. Craving for art and culture.

I can’t help it. I have to follow the splitting of Mimì’s cloche in Marina’s necklines and deep slits, and to hear the laugh of this unforeseen hybrid thundering in the grenade patio of the Art Deco pool that still astonishes the most curious visitors of the Royal Villa of Marlia. In my daydream, the water is there again, bluer than the sky, lightening up both the large tiled basin and the summer afternoons of guests like Salvador Dalì and Alberto Moravia.

The Art Deco pool of the Villa Reale di Marlia was commissioned to the architect Jacques Greber in the 1930s by Countess Anna Laetitia Pecci Blunt (Mimì for friends).

villa_reale_di_marlia_garden_tourist

Villa Reale di Marlia
Via Fraga Alta, 2
55014 Marlia, Capannori (LU)
Italia
Tel: +39 0583 30108
e-mail: info@parcovillareale.it

Il parco è aperto tutti i giorni, dalle 10 alle 18, dal 1° marzo al 2 novembre. Durante i mesi di chiusura è comunque possibile accedere su prenotazione. I cani condotti al guinzaglio sono benvenuti.

The park is open every day, from 10 am to 6 pm, from 1 March to 2 November. During the closing months it is possible to access via reservation. Dogs on a leash are welcome.

Per approfondire/Suggested resource: Milton Gendel free album online

Pubblicato da

Rather than writing about what I know, I prefer to write to know ... the same goes for reading. Anziché scrivere di ciò che conosco, preferisco scrivere per conoscere... lo stesso vale per la lettura.

2 thoughts on “Unconventional women eventually meet at Villa Reale di Marlia”

I commenti sono chiusi.